Pubblicato in: Poesia, Quaderno

Non prendere freddo

Ti ricordi quell’odore di montagna? 

Sulla pelle io ho ancora il tuo…

Ora osserva gli aquiloni

lascia volare l’anima.

E non temere, nessuna multa arriverà se andrai forte.

L’universo non ha limiti di velocità.

Sei finalmente libero…

Corri Furia, al galoppo, non fermarti più!

Non fermarti più…

Ti ricordi di noi?

Andiamo avanti, andremo avanti…

Mancherà lo squillo, quel naso grande.

Mancherai tu…

Ti ricordi del profumo di collina?

Sulle labbra io ho ancora il tuo…

Ora guarda l’orizzonte

lascia danzare i sogni.

E quando la sera un sacco di stelle

t’inviteranno a fare due passi,

metti un giacchetto sulle spalle.

Mi raccomando,

non prendere freddo…

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Poesia, Quaderno

Gesù, risorto…

Io risorto, lo faccio per un attimo, esco dalla porta per respirare un po’.

Tu hai ragione: è festa, le campane… Ma non mi sento bene, ho voglia di carezze e pace.

Gesù, risorto… Vado a passeggiare i sogni, poi prometto che rientro… Magari dopo sera, quando tutto dorme e il silenzio quieterà i cannoni.

Gesù, risorto… È che penso ai bambini, spesso manca l’aria e scappo a cercare il vento. Ma ritorno, prima o poi lo faccio. Giuro…

Gesù, risorto… Tu aspettami all’uscio della mano, quella a cui nessuno bada più. Non farò tardi ma voglio uscire, dentro il mondo sto troppo male.

Gesù, risorto… Le chiavi le lascio lì, vicino al cuore. E quando un lumicino farà chiarore, io saprò come rientrare…

Pubblicato in: Poesia, Quaderno

Conosco

Conosco pesciolini d’alluminio che vanno pescando raggi di sole in ogni dove, zigzagano al di sotto di uno strato d’argento che rispecchia il cielo con vagonate di nuvole a batuffolo.

Conosco un’isola che sembra una lumaca, abbellita da muschio verde smeraldo su spalle e fianchi.

Conosco il suono del vento, do re mi fa ad arpeggiare l’anima fidanzata con l’amore.

Conosco la luce, i monti sull’altare e fiumi di paesi sposi ad aspettare una luna che sa di miele.

Conosco i battiti del campanile quando il tempo vola, campi di grano con tutto l’oro che appartiene soltanto a loro e canti di gabbiano a musicare la vita.

Conosco gli sbadigli del lago la mattina e l’appisolarsi casereccio d’ogni pescatore un istante dopo l’ultimo cucchiaio della zuppa di cena.

Conosco le barche, le vele, il rumore dei remi e tutte le stelle stampate lassù.

E poi conosco te, Marta, dolce carezza a cullare il cuore…

Pubblicato in: Poesia, Quaderno

La guerre, sale affaire

Dors mon enfant, dors ma petite
Garde cette poupée près de toi
Caresse-la avec ton cœur
Aujourd’hui il pleut dehors.
Dors ma fille, dors mon amour
À cause de la guerre le monde meurt
Serre fort cette petite amie
Trouve le sommeil, dépêche-toi.
J’ai peur que ces bruits
T’effraient la nuit
Ma fille, j’ai peur
Que tu ne trouves plus le bonheur.
Dors mon étoile, je t’en conjure
Fais un rêve qui te rassure
Ne fais pas attention à ce carnage
Aux tirs et à ce foutoir.
Un jour tu comprendras
Que la vie est faite de tracas
Que tu te réveilles avec le sourire
Et quelqu’un l’a déjà fait mourir.
Tu as beau vouloir changer
Tu ne trouveras que la normalité.
Tu fais la queue pour acheter ton pain
Et voilà qu’un fils de putain
Passe devant tout le monde
Sans même s’en soucier une seconde.
Dors ma petite, écoute-moi
Dehors il pleut, ce n’est pas fait pour toi
Ce foutoir a pour nom la guerre
Qui te jette six pieds sous terre
Je t’assure que j’ai peur
Le cœur laisse place à l’horreur.
Nous courons mais pour aller où ?
Je me le demande mon amour.
Où est ce grand futur ?
Où est cet homme mature ?
Cela donne envie de fuir,
D’aller plus loin, dans l’au-delà
Demander à Dieu ce qui lui est arrivé
Et lui dire en face « Tu es distrait ! »
Dors mon enfant, ma petite
Garde cette poupée près de toi
Embrasse-la
Emporte-la avec toi
Puis dis-lui un mensonge :
« Tourne, tourne, faisons la ronde
Qu’est-ce qu’il est beau ce monde… »

Pubblicato in: Poesia, Quaderno

What an ugly thing war is

Sleep dear child, my little one
hold your dolly tight
love her now with all your heart
as the rain beats down outside.
Sleep my child, sleep my love
as the world fades away in war
hug this little friend of yours close
fall asleep, be awake no more.
I fear that all these thuds and bangs
will scare you in the night
I fear, my girl
that all of this will bring your spirits down.
Sleep, my star, I beg of you
dream the safest of dreams
take no notice of the mess all around
of the gunshots and all this grief.
One day you too will understand
that life is full of strife
you wake up with a smile on your face
and someone rips it away.
You open yourself up to change
And then agree to compromise
You follow the rules and queue for bread
and you find some son of a bitch
who climbs right over everyone else
because he doesn’t give a damn.
Sleep, oh little one, heed my words
outside it’s raining and unpleasant
this chaos goes by the name of war
and it buries you underground
I assure you dear that I am scared
for there’s no love, just ugliness.
We run, but where are we running to?
I wonder, sweet love of mine.
Where is this great promising future?
Where are all the mature men?
It makes me want to slip away
to move into the light
to ask our Lord what happened to him
and tell him how very careless he’s been
Sleep, dear child, my little one
hold your dolly tight
give her a kiss
and take her away
only to then tell her a lie:
“Ring a Ring o’ Roses
what a wonderful world this is…”

Pubblicato in: Edicola

Campidoglio, Roma, 7 aprile 2017

Campidoglio, Roma, 7 aprile 2017.
Fra tutte le opere partecipanti (circa 700) al Concorso Letterario Nazionale AlberoAndronico (sezione Poesia dialettale), “Brutta faccenda, ‘a guera” si è classificata al primo posto fra gli scrittori della capitale (per un romano come me è motivo di grandissimo orgoglio). A livello nazionale, invece, si è aggiudicata il secondo posto. Questa sera inizio a rendermi conto d’essere stato premiato in Campidoglio per la mia penna… Questa sera ho chiesto alle stelle di non lasciarmi solo e di tenermi compagnia…
“Brutta faccenda, ‘a guera” nasce la notte del 13 novembre 2015. Mia figlia si era da poco addormentata, bamboletta fra le braccia, quando io accesi la tele: Parigi, il Bataclan e i fatti che purtroppo conosciamo tutti… Presi carta e penna ed iniziai a scrivere in romanesco. Osservavo la dolcezza della bimba e guardavo la bruttezza del mondo. Provavo un dolore indicibile: scrivevo mentre lo stomaco strozzava anima e cuore. Lei dormiva, sognava, con quella bambolina stretta stretta tra le braccia. Altrove si uccideva, si ammazzava, tutto finiva… “Brutta faccenda, ‘a guera” è figlia della mia preoccupazione, del mio essere padre spaventato, del mio chiedermi in continuazione perché… Ricordo quella notte come fosse adesso: la mia tristezza e la paura, una bambolina fortunata, i capelli color miele di mia figlia, la mia mano, la penna, i fogli e i tanti, tantissimi pensieri…

Dormi bimba, piccoletta
tiette stretta ‘sta bamboletta
accarezzala cor còre
che de fòra oggi piove.
Dormi fijia, dormi amore
che de guera er monno mòre
strigni forte ‘sta’amichetta
pija sonno, fallo ‘n fretta.
C’ho paura che ‘sti botti
te spaventino le notti
c’ho paura, fijia mia
che tu perda l’allegria.
Dormi stella, te scongiuro
sogna er sogno più sicuro
nun fa caso a ‘sto macello
a li spari, a ‘sto bordello.
Poi tu ‘n giorno capirai
che la vita so’ tanti guai
che te sveji cor sorriso
e quarcuno già l’ha ucciso.
Te proponi ar cambiamento
ma poi trovi appiattimento.
Fai la fila pe’ ‘na pagnotta
e c’è ‘n fijio de ‘na mignotta
che scavarca tutta la gente
perché a lui ‘gne frega gnente..
Dormi piccola, senti a me
fòri piove, nun fa pe’ te
‘sto casino se chiama guera
che t’affossa sottotera
t’assicuro c’ho paura
nun c’è còre, ma bruttura.
Noi coremo, ‘p’annà dove?
Me lo chiedo, dorce amore.
Ma ‘ndo sta’ ‘sto gran futuro?
Ma ‘ndo sta’ l’òmo maturo?
Viene voja de scappà
d’annà ortre, nell’aldilà
chiede a Dio che fine ha fatto
dije ‘n faccia “sei distratto!”.
Dormi bimba, piccoletta
tiette stretta ‘sta bamboletta
daje ‘n bacio
portala via
poi riccontaje ‘na bucia:
“Gira, gira, girotondo
che bellezza ch’è ‘sto monno…”