Se fermò er monno

Spread the love

Sì, era ‘na sera d’inizio marzo,
cor cerchio de la luna come ‘n quarzo
A fa’ da sottoveste a ‘n po’ de stelle
posate pe’ ‘na notte da modelle.

Quell’anno, ch’era er Venti, si nun sbajio,
cor tempo prenotato dar ritajio,
girò n’epidemia ne li pormoni
così che ‘r monno chiuse li portoni.

Sì, era ‘na sera de n’antra Era,
‘ndo li pensieri, co’ ‘na brutta cera,
tingevano de pallido li sogni
E co’ ‘n cartello: “Ma nun te vergogni?!”,
tajavano li ponti cor passato
lassano a corto er còre già affannato.

Sì, era ‘na sera d’inizio marzo,
cor cerchio de la luna a fa’ da quarzo
La gente poi a cantà da li balconi
pareva pregà in mare sui barconi.

Quell’anno, giusto er Venti, mo’ ricordo,
li sguardi ciechi sotto ‘n cielo sordo
de chi indossava maschere e catene
perché nun s’era mai voluto bene.
Er monno se firmò, se fermò er monno…


Pubblicato

in

da